12 Dentro il museo
Diversità è la chiave per il futuro del nostro pianeta
di James Bradburne   

Share

Before information technology, distance functioned for human awareness much as it does for our knowledge of the stars. The further away the object, the longer its information took to reach us – the light of the stars we see in the night sky can actually be millions of years old. If we could approach a distant star at greater than the speed of light, we could actually go back in time, or at least trace the light back to its origins.

In the same way, when information also took time to reach beyond its source, it meant that if one could travel towards the source faster than information itself, one could travel back in time. One way of looking at globalisation is the near elimination of distance as time. In Murray’s Handbook for Japan, first published in 1891 one reads: ‘If by doing Japan be meant hurrying through its chief sights, the globe-trotter can manage this in three or four weeks [...] He who is bent on more serious observation will not find four months too much;’ At the beginning of the 20th century, given the difficulty of travelling more than ten ri (about 30km) in a day by jinrikisha, or slightly further by unreliable and infrequent steam trains or packet steamers, Japan’s map was full of small towns and Shinto temples waiting to be discovered, new sights, sounds and tastes to be experienced. Local cultures varied from province to province, even from town to town – some more Buddhist, other Shinto, still others a unique mix due to long separation by sea or mountains, an isolation exacerbated by Japan’s own retreat from the world since the sakoku (isolation) which began under the Shogunate in 1635. Turning Japan into a cultural Galapagos had the effect of radically increasing the country’s cultural diversity, allowing countless cultural eco-systems to flourish. Seeing Japan in 1907 was like seeing Canada from a bicycle in 1979 – something to be savoured, in the knowledge that hurrying was not going to get you anywhere any faster. It is easy to imagine that we are just witnessing another of the many inevitable changes brought about by new technology and economic growth, and that the current globalisation is as inevitable and as innocuous as the transition to the electric light bulb, the motor car or the airplane. Certainly as recently as even thirty years ago, travel was very different. In Paris the French still spoke French, smoked Gauloises, and the squat toilet was still ubiquitous. To travel meant to confront cultures different than one’s own – sometimes shocking, sometimes exhilarating, but coherent, and above all, different. This has all changed with the compression of the time it takes to travel. Travel is no longer measured in the time it takes for a jinriksha to travel in a day, nor in farsakhs by foot, horse, mule or even Model A Ford. Even China – so far away in the 16th century that it took Matteo Ricci’s letters to his parents in Venice seven years to arrive – is now at everyone’s doorstep, a mere ten-hour flight away. When you arrive, however, what is striking is no longer the difference, but the sameness. Twenty years ago I walked down the Nanjing Road to the Peace Hotel – then the tallest building in Shanghai – anxiously deciphering the Chinese characters on the street signs in order not to lose my way. Now, since the 2008 Olympics and the 2010 World’s Fair everything is subtitled in English. The Nanjing road itself is now pedestrianized and looks like Times Square or Piccadilly Circus, write large and (at least partly) in Chinese. It is infested by clusters of young people selling fake Rolex watches, fake Vuitton bags (like the real ones, paradoxically made in China anyway) or in some cases (at least presumably real) themselves:
‘Hi, where you going? Where you from? Too early go home, wanna buy me a beer?’
 Even the cuisine is no longer reliably local. Recently, at the suggestion of an English colleague, I booked a table at M on the Bund, an expensive restaurant few blocks from the Peace Hotel, renowned for its view of the nocturnal Shanghai skyline, naïvely expecting the cuisine to be Chinese. To my surprise, the menu was Moroccan – so I ended up contemplating the new Manhattan-like skyscrapers of Pudong, alive with animated neon advertising, whilst eating mezze and an admittedly excellent chicken tajine. Contemporary tourism has been reduced to listlessly browsing the merchandise – whether it be products, people or culture, although the only culture generally accessible to the tourist without knowledge of the language is the museum – more listless browsing objects one cannot even buy. Much as the ubiquity of music of all kinds has rendered us deaf to music, the same has happened to travel – everything blends seamlessly into a homogeneous single experience. This simultaneity of contemporary experience – we listen to the same music, buy the same products, can even speak to anyone anywhere wherever we are – serves to flatten everything. Experience has become tasteless, in every sense of the word, as we converge on the single common denominator of the globalised marketplace, where everything has a price, and everything is for sale, right now, wherever now may be. Globalisation is the enemy of diversity, and punctures the fabric, first of the family, then of the community, finally of our shared culture itself. The key to the future of the planet – and for culture – is the same. Diversity. Only diversity can guarantee sustainability. Let us hope that the reduction in diversity brought about by globalisation does not render humankind dangerously fragile and vulnerable.

 

 

Traduzione:

Prima della tecnologia dell'informazione, la distanza influiva sulla consapevolezza umana in modo simile alla nostra conoscenza delle stelle. Più lontano l'oggetto, più tempo ci voleva perché ne venissimo a conoscenza - la luce delle stelle che vediamo nel cielo notturno potrebbe in realtà essersi estinta milioni di anni fa.Se potessimo avvicinarci ad una stella ad una velocità maggiore di quella della luce, potremmo effettivamente "andare indietro nel tempo", o quantomeno rintracciare la luce alle sue origini. Allo stesso modo, quando l'informazione impiega tempo per oltrepassare la sua sorgente, significa che se potessimo viaggiare verso la sua sorgente più velocemente dell'informazione stessa, si potrebbe viaggiare indietro nel tempo.

Un modo per guardare alla globalizzazione è come ad una progressiva eliminazione della distanza come del tempo. Nel Manuale di Murray per il Giappone, pubblicato nel 1891, è scritto: se per "fare il Giappone" si intendesse affrettarsi tra i suoi siti più importanti, il giramondo potrebbe arrangiarsi in tre o quattro settimane [...]; chi si impiegasse in osservazioni più serie potrebbe trovare quattro mesi un tempo poi non così lungo". All'inizio del ventesimo secolo, data la difficoltà di viaggiare più di dieci ri (circa trenta chilometri) in jinrikisha, o poco oltre con scarsi e inaffidabili treni a vapore, la mappa del Giappone era piena di piccoli paesi e templi Shinto in attesa di essere scoperti, nuovi luoghi, suoni e sapori in attesa di essere provati. Le culture locali variavano da provincia a provincia, anche da paese a paese - alcune buddiste, altre scintoiste, altre ancora un unico mix dovuto alla separazione da mari o montagne, un isolamento esacerbato dall'insito ritirarsi del Giappone dal resto del mondo fin dal sakoku (isolamento) avvenuto durante lo Shogunate nel 1635. Il trasformarsi del Giappone in Galapagos culturali ha comportato un incremento nella diversità culturale del paese, favorendo la fioritura di innumerevoli ecosistemi. Vedere il Giappone nel 1967 era come vedere il Canada da una bicicletta nel 1979 - qualcosa da assaporare, consapevoli che affrettarsi non ci avrebbe portati da nessuna parte molto più in fretta.

È facile immaginare che siamo testimoni di un altro inevitabile cambiamento portato dalle nuove tecnologie e dalla crescita economica, e che l'attuale globalizzazione è tanto inevitabile e innocua quanto la transizione verso la lampadina elettrica, il motore a scoppio o l'aeroplano. Certamente, non più di trent'anni fa, viaggiare era molto diverso. A Parigi i francesi parlavano ancora francese, fumavano Gauloises, e le toilette alla turca erano ancora molto diffuse. Viaggiare significava confrontarsi con culture differenti dalla propria - a volte scioccanti, a volte esilaranti, ma coerenti, e soprattutto, differenti. Tutto questo è cambiato con la riduzione del tempo necessario per viaggiare. Il viaggio non è più misurato in termini del tempo che impiega una jinrikisha a viaggiare in un giorno, né in farsakhs a piedi, a cavallo, a dorso di mulo o su una Ford A Model. Anche la Cina - che nel sedicesimo secolo era così lontana che le lettere di Matteo Ricci impiegarono sette anni per arrivare ai suoi parenti a Venezia - è alla portata di tutti, un viaggio di appena dieci ore di aereo. Quando arrivi, tuttavia, ciò che ti colpisce non è più la differenza, ma la somiglianza.

Venti anni fa camminavo lungo la Nanjing Road verso il Peace Hotel - allora il palazzo più alto di Shangai - cercando ansiosamente di decifrare i caratteri cinesi sui cartelli stradali per non perdermi. Ora, dopo le Olimpiadi del 2008 e la Fiera Mondiale nel 2010, tutto è sottotitolato in inglese. La Nanjing Road stessa è ora pedonalizzata e ricorda tanto Times Square o Piccadilly Circus, con scritte grandi e solo parzialmente in Cinese. È infestata di gruppi di giovani che vendono finti Rolex, false borse di Vuitton (paradossalmente fatte in Cina, come quelle vere) o in alcuni casi forse anche vere. "Ciao, dove vai? Da dove vieni? È presto per andare a casa, mi offri una birra?"

Neanche la cucina è più affidabilmente locale. Recentemente, sotto suggerimento di un collega inglese, ho prenotato un tavolo al "M on the Bund", un ristorante costoso distante un paio di isolati dal Peace Hotel, famoso per la sua vista notturna della skyline di Shangai, ingenuamente aspettandomi che la cucina fosse cinese. Per mia sorpresa, il menu era Marocchino - sono quindi finito ad ammirare i nuovi grattaceli Manhattaniani di Pudong, illuminati da banner pubblicitari al neon, mangiando mezze ed un effettivamente eccezionale pollo tajine. Il turismo contemporaneo è stato ridotto ad un'osservazione svogliata del merchandise - che siano prodotti, persone o culture, anche se l'unica cultura generalmente accessibile al turista senza conoscenza della lingua è il museo - cercando tra oggetti che non si possono nemmeno comprare. Tanto quanto l'ubiquità della musica di ogni genere ci ha resi sordi alla musica stessa, lo stesso è accaduto col viaggio - tutto si amalgama completamente in un'unica singola "esperienza". La simultaneità dell'esperienza contemporanea - ascoltiamo la stessa musica, compriamo gli stessi prodotti, possiamo perfino parlare a chiunque ovunque noi siamo - comporta un appiattimento di tutto. L'esperienza è divenuta senza gusto, in tutti i sensi, mentre convergiamo verso il comune denominatore del mercato globale, dove tutto ha un prezzo e tutto è in vendita, ora, ovunque sia ora.

La globalizzazione è il nemico della diversità, e mina la struttura prima della famiglia, poi della comunità e infine della cultura condivisa stessa. La chiave verso il futuro del pianeta - e della cultura - è la stessa. Diversità. Solo la diversità può garantire la sostenibilità. Speriamo che la riduzione della diversità portata dalla globalizzazione non renda l'umanità pericolosamente fragile e vulnerabile.

Share