2 L’osceno è Sacro
La sentenza del Creatore
di Dario Fo   

Share

A sostegno del rispetto di cui gode, nella tradizione dell’isola a trepunte, l’organo femminile, ci permettiamo di scomodare uno dei più grandi interpreti della tradizione popolare siciliana. Si tratta di Giuseppe Pitrè, che nella sua raccolta di conte popolari accenna a un dibattito davvero surreale di cui sono protagonisti gli organi che compongono il corpo umano, in particolare quello femminile. Giudice di questa specie di processo è addirittura il Padreterno. I convenuti, cuore, cervello eccetera, si rivolgono al Creatore denunciando disperati la protesta di uno di loro.
«Si rischia la paralisi! Se tu, Santissimo Signore, non intervieni immediatamente, qui si schiatta...»
«Di che si tratta? Chi protesta?» chiede l’Altissimo.
«Lo sticchio!»
E tutti gli organi si fanno in là per mostrare al centro della scena «u’ pàcchio femmenóso» che ritto su uno sgabello urla: «Chiamo te, o Segnore. Tu hai fatto ‘nu capolavoro: ogni organo è essenziale alla vita delle creature, masculi e fèmmene. Io che sto sita in la fèmmena, ho deciso di non compiere più né un gesto né un respiro, tutta bloccata mi costringo a stare».
«E perché? Per protestare contro chi?» chiede il Creatore.
«Contro tutti l’altri organi.»
«E per quale raggióne?»
«Per lo fatto che me se manca de réspecto! Fanno uso di me come manco fossi ‘na pantofola, peggio, ‘na sciavàtta! Avànte me se fanno moine e serenate, il cuore sbatte, il cervello va in stràmbola, il sangue scorre come impazzùto, non vi dico che succede allu màsculo col só spetàcchio rizzo… frémiti e po’ quando me se son goduti ce se deméntica della infiorìta mia come fussi l’ultimo dell’organi… e dire che so’ quella che dà la vita e per fa’ ‘sto miracolo tutta me struzzo e spalanco urlando de dolore, attraverso l’ammore che do, se ‘ngravida lu ventre e nàscheno le creature».
Il Padreterno si alza e dice: «Issa infiorìta ha raggióne, tutte le raggióni! E, cari organi, ve voglio dire che anch’io so’ imbestialito come a chidda, ve ce ho creati tutti iguàli senza darve ‘nu numero de emportànza assoluta; ognuno è pe’ me assoluto, se a stu corpo che tenete ce manca l’uòcchi va a sbatte contro ogni albero o parete. Senza l’orecchi, sordi come pétre divenite… E desgraziàti séte, senza la bocca e co’ lu core spento mala vita tenete! E così pe’ tutti l’altri mancamenti, ma se ve’ canzèlla lu stìcchiu fiorito, filli mei, séte perduti! Che illa è la fenèstra de llu sentimento. Nullo se mòve se issa no’ respira… lu pallore allo viso e lu russore non véne, lo còre no’ sbatte… lu fiato no’ se fa fitto… lu ventre no’ freme… lu occhi no’ sbatteno, no’ chiàgneno e no’ rideno co’ la bocca assieme! Morte v’attende zacché col vostro ‘spezzamento serrate a vite lo pertùso da che sorte ogne dolzore».
Tratto da L’Osceno è Sacro di Dario Fo,
a cura di Franca Rame, ed. Guanda.

Share