15 Classika
Due donne sul podio
di Gregorio Moppi   

Share

Forse sarà il coraggio a risanare la vita concertistica italiana, asfittica più per pigrizia intellettuale che per penuria di denari. Coraggio dimostrato, a Milano, dall’orchestra Giuseppe Verdi, che ribatte alla politica facile - ma ormai troppo dispendiosa - della caccia al gran nome, scommettendo su due bacchette in fiore. Entrambe, per giunta, distanti dal cliché del direttore classico: maschio, bianco, spocchioso. Dovendo scegliersi un nuovo capo, infatti, la Verdi ha puntato su una cinese, Xian Zhang, trentasei anni e carriera in crescendo negli Stati Uniti. Necessitando pure di un vice capo si è rivolta a Wayne Marshall, origini caraibiche e lo swing di Gershwin nel sangue. Mentre le altre orchestre si adagiano nei lamenti, la Verdi perlomeno azzarda un’idea.

Share