15. Gatti
In convento
di Kate Mc Bride   

Share

 

Do our cat friends escape their narrow ledge under the Ponte alle Grazie to wander the city? Perhaps they, like the Benedictine nuns who lived in the Madonna alle Grazie convent on top of the bridge in the 14th century, have choosen to remain in isolation. The nuns received food through a small window in the wall of the convent. They were known as “the walled in ones.” Like our cats Arnie and Soot, they relied on the kindness of strangers. In the 19th century, the convent and other structures on the bridge were removed to make way for a streetcar line. Retreating Nazi troops destroyed the bridge during World War II. In the 1950s, the city built a new bridge. The due gatti moved into a pillar where the convent once stood.

 

Traduzione:

Chissà se i nostri due amici gatti qualche volta scappano dalla loro sponda stretta, sotto il Ponte alle Grazie, per vagabondare in città? Forse anche loro, come le suore benedettine che vivevano nel convento della Madonna alle Grazie al di sopra del ponte, hanno deciso di vivere in isolamento. Le suore ricevevano il cibo attraverso una piccola apertura nel muro del convento. Erano meglio note come “le murate”. Come i nostri gatti Arnie e Soot, esse si affidavano alla gentilezza degli estranei. Nel XIX secolo, il convento ed altre strutture lungo il ponte furono rimossi per dare spazio ad una strada carrabile. Durante la II Guerra Mondiale, nel ritirarsi, le truppe naziste distrussero il ponte. Negli anni 50’ la città costruì un nuovo ponte e oggi i due gatti si sono trasferiti in uno dei pilastri su cui, un tempo, si ergeva il convento.

 

 Photo by James O’Mara

Share