17. Classika
Pace sinfonica
di Gregorio Moppi   

Share

L’orchestra della pace a Weimar 10 anni fa. Il nome in prestito da Goethe (West-Eastern Divan) è già un progetto d’azione. Esprime disposizione all’incontro, allo scambio d’esperienze tra figli di uno stesso padre ai quali un conflitto infinito impedisce di riconoscersi fratelli. Perché Palestina e Israele devono sì combattere, ma contro afasia della politica e fanatismo ammantato di fede. Ecco ciò che ha spinto il compianto scrittore palestinese Eduard W. Said e Daniel Barenboim, direttore d’orchestra di origini ebraiche, a far suonare assieme ragazzi medio-orientali altrimenti destinati a non frequentarsi mai. Armonizzare le differenze: esperimento finanziato dal governo andaluso. “Forse non cambieremo il mondo - dice Barenboim – ma è un passo verso la reciproca accettazione”.

Share