21. Pieni d'Islam
Il tappeto di Dio
di Giovanni Curatola   

Share

Questa storia è sempre piaciuta al mio figliolo quando era piccolo. Nel 1981 era uscito un mio libro sui tappeti e l’anno dopo accompagnando a Natale un amico a San Rocco a Venezia, lo vedo. Cosa? Mi domandava. E io, “lo zerbino di Dio”. Mettendomi nei pasticci perché voleva sapere, sempre, cos’è uno zerbino, ma anche chi è Dio. Pazienza. Dicevo anche che era un “tappeto volante”, come nel Ladro di Baghdad e nelle Mille e una Notte, e ho dato sul tema una tesi di laurea a un’incredula ragazza francese. Bellissima, lei, non la tesi. La ri-scoperta di un tappeto mamelucco egiziano di 10mt. x 4 è stata una grande emozione e soddisfazione. Come cercare per mesi, e trovare, i documenti con la data dell’acquisto (1541) “per quando venano ambasciatori per honorare lo corpo de Ms. sancto Rocho nostro”. Allora ho anche fatto i primi studi sul monopolio ebraico sul commercio di tappeti nel ’400 e ’500. Ma quella è un’altra storia, un’altra favola. 


 

Share