22 La ricetta
Per dessert un “crosticino” di pane
di Fabio Picchi   

Share

Tuffate crosticine di pane dove volete, nel ragù che sobbolle lentamente, in un pesto appena fatto, dentro una fresca pomarola, in una livornese, in una tazza d’olio con sale e pepe (perdonatemi ovviamente, io extravergine toscano, voi del vostro territorio) ed otterrete gli antipasti più buoni del mondo. A proposito di intelligenza emotiva mio padre in assenza di dolce o di un qualsiasi finalino, così lui li chiamava, inzuppava un ultimo crosticino di pane in un centimetro di vino rosso e non ci alzavamo più da tavola: i suoi racconti ci catturavano.

Share