9 Ora di ricreazione
Quel circuito meraviglioso che fa scorrere l’acqua fino all’Africa
di Giancarlo Ceccanti   

Share

Chissà di cosa si parlava cinquant’anni fa con Fabio, compagno di banco sognatore, durante l’ora di ricrezione. Di sicuro, si aspettava a gloria quel neanche tanto breve intervallo, agognato soprattutto per poter finalmente dar fondo alla merenda e per quel bicchiere di latte che la Centrale di Firenze distribuiva tutte le mattine, tenuto in caldo sui radiatori del riscaldamento. Di sicuro, nessuno dei due poteva immaginare che da grandi, per un caso che penso non abbia niente di fortuito, ci saremmo trovati a collaborare intorno ad un progetto molto ambizioso e fortemente coinvolgente. Il progetto è quello di Acquifera, una onlus nata espressamente per sfruttare la professionalità specifica del geologo nel campo della ricerca idrica, nei Paesi del Terzo Mondo dove la carestia d’acqua è più sofferta, per eseguire interventi diretti utilizzando tecniche semplici, coniugando per quanto possibile conoscenze locali e tradizionali a tecnologie innovative per un utilizzo dell’acqua possibilmente a costo zero. Grazie a questa collaborazione, nel giro di pochi anni Acquifera è potuta crescere operando in realtà diverse del Camerun, del Kenia, del Kosovo dove sono già stati realizzati due piccoli acquedotti e dove sono in corso altri progetti a cui stiamo lavorando. Ma anche grazie ad un altro fattore di grande rilevanza. Perché una cosa è venuta a galla occupandosi di questo progetto tra le mille difficoltà, legate poi soprattutto o quasi solamente alla ricerca di fondi da poter impiegare e sfruttare al massimo. Si è letteralmente materializzato quella sorta di circuito invisibile che alimenta l’impegno sociale e civile, la solidarietà fra le persone ed i popoli; incredibili sono stati certi incontri insperati e inattesi nati intorno a questa idea e a questa proposta che ha consentito già di gettare qualche piccolo ponte. Forse non è sbagliato pensare che tutto questo sia potuto accadere anche grazie all’antica, mai seppellita vocazione di questa città.


Share