4 Percorsi
L’importante è non smettere mai di desiderare qualcosa
di Massimo Niccolai   

Share

Pensare al mio desiderio più recondito mi ha fatto ricordare un racconto che un mio caro amico mi fece su ciò che gli accadde una volta quando era bambino.Un giorno era al mare su una spiaggia affollata con i suoi genitori. Qualcosa attirò la sua attenzione. Era la curiosità per quel qualcosa che neppure si ricordava. L’attrazione desiderosa fu così forte che si allontanò da loro e si incamminò deciso verso un’incognita che nemmeno lui comprendeva fino a quando, evidentemente soddisfatto, si voltò alla ricerca della madre e del padre e non li vide più. Il compiacimento del raggiungimento si trasformò in una per lui, seppur piccola e momentanea, tragedia.Ebbene sì, il mio desiderio più recondito non è il raggiungimento o più precisamente il compimento di qualcosa ma è il desiderio stesso, quel io voglio del bambino che non finisce mai, che mi dà sempre la capacità di percorrere una strada e quel percorrere mi mette nella condizione di vedere capire e desiderare, di conoscere e di condividere.

Share