13 Fughe poetiche
Andare laddove è sempre primavera
di James Bradburne   

Share

In a happy life, our deepest desires often only surface in times of trouble or pain - when we want to be somewhere other than in the obstinate moment itself. In 1864, the English poet Gerard Manley Hopkins wrote of such a longing:


I have desired to go
Where springs not fail,
To fields where flies no sharp and sided hail
And a few lilies blow.

And I have asked to be
Where no storms come,
Where the green swell is in the havens dumb,
And out of the swing of the sea.

I am fortunate to have a happy life, and as a consequence my desires are few and relatively commonplace - to be in the warm company of those I love, looking out at the Tuscan countryside. However even the happiest of lives is not without moments of abject suffering, and then I too dream of being somewhere far away, in the lee of a fir-clad island, listening to the slap of metal halyards on the mast of a wooden ship and the flat spattering of rain on the deck as the ship and I rise and fall on the tide.

 

 

Traduzione:

In una vita felice, i nostril desideri più reconditi emergono solo in tempi di difficultà o di dolore   -  quando vorremmo essere in qualsiasi altra situazione fuorché nel momento avverso. 
Nel 1864, il poeta Inglese Gerard Manley Hopkins scrisse di questo nostalgico desiderio: 
I have desired to go
      Where springs not fail,
To fields where flies no sharp and sided hail
    And a few lilies blow.

    And I have asked to be
      Where no storms come,
Where the green swell is in the havens dumb,
    And out of the swing of the sea.
Sono fortunato a vivere un'esistenza felice, e di conseguenza i miei desideri sono pochi e relativamente usuali -  godere della compagnia di coloro che amo, gettare lo sguardo su un paesaggio toscano. Comunque anche  la più felice delle esistenze non è priva di momenti di abietta sofferenza, e allora anch'io sogno di essere altrove, via lontano, lungo le coste di un'isola ricoperta di abeti, mentre ascolto il suono delle drizze di metallo che sbattono contro l'albero di un veliero e gli spruzzi di pioggia che risuonano piatti sul ponte, mentre la nave ed io affioriamo per poi immergerci nella marea.

 


Share