24 Poesia
M’ignudo io e nessuno si vergogni
di Stefano Pissi   

Share

Io son l’ortista ma per tutti il Pissi
di fronte a voi signori mi presento.
I miei desideri dico per capirsi
lo farò con gioia, e con intento.
Figlio unico in Firenze, già io vi dissi
ToscoLucano, niente spavento!
Anche io di desideri ne ho diversi
io m’incammino, ve lo scrivo in versi.

La natura sposo, senza tradirsi
quando c’è il sole e quando tira vento.
Nasce il giorno, lo vedo affievolirsi
se faccio il bagno in mare son contento.
Per natura fare coppia ed arricchirsi
di camminare in due sai non mi lamento
alcune sono realtà, altri sogni
di certo per me son tutti bisogni.

M’ignudo io e nessuno si vergogni
vi dico ora il segreto desiderio
c’è un ritmo in tutto, lo cerco, e serro i pugni
anche se per voi non è un gran mistero.
Leggere, nuotare e potar vitigni
tutto ha cadenza, la cerco per davvero
pare banale stare a cercare
ma per me è vita voglio scalare.
E per finire desidero a voi comunicare
lentezza sia, campar come usignoli

essere pazienti, crescere,inventare
come diletto viaggiare, salpar dai moli.
Ora concludo torno a lavorare
un desiderio che chiuda il cerchio, senza doli
e se d’Io vole, insegnar il bello ai figlioli:
pace, tornare humus, cibo per porri e cetrioli.

Share